giovedì 26 febbraio 2009

Gnocchetti di giuncata al timo con verdure


Dalle mie parti c'è l'antica tradizione che gli gnocchi siano il piatto del giovedì e ancora sopravvivono vecchie trattorie che seguono il detto :"Giovedì gnocchi, venerdì pesce, sabato trippa".

Chissà poi perché proprio il giovedì? Forse per consolazione preventiva alle mancanze del venerdì cristiano? O premio per lo stomaco dopo mezza settimana di lavoro?
Fatto sta che gli gnocchi piacciono davvero a tutti (o quasi) anche ai bimbi più inappetenti e resta davvero difficile rimanere indifferenti ad un piatto di gnocchi fumanti, comfort food per eccellenza!

Per me dire gnocchi è sempre equivalso a dire "gnocchi di patate". Ultimamente mi è sorta la curiosità di provare a prepararli anche con ingredienti diversi ed ho piacevolmente scoperto che non di sole patate vivono gli gnocchi!
Giorni fa mi sono cimentata in una ricetta valdese di Walter Eynard che prevede nell'impasto la giuncata, una ricotta di latte misto non salata, sostituibile con una classica ricotta ben scolata.
Ne sono rimasta entusiasta, pur avendo una buona consistenza si sfarinano in bocca, come una caramella. Impossibile mangiarne un piatto risicato! In tal caso farete il bis!
Potete servirli con il condimento che più vi aggrada, perfetti anche per un tradizionale burro e salvia.




Gnocchi di giuncata al timo

Ingredienti per 4 persone:

500 g di giuncata(o di ricotta classica ben scolata)
100 g di farina (più quella necessaria per impastare)
1 uovo
1 mazzetto di timo
una macinata di pepe

per il condimento di verdure:
1 carota
1 peperone rosso
1 pomodoro maturo
4 cimette di cavol fiore
1 cipolla rossa
3 cucchiai di olio evo
1 presa di pistilli di zafferano
4 rametti di maggiorana
4 ciuffi di prezzemolo
4 steli di erba cipollina
sale
peperoncino


Procedimento:

Lavorate la giuncata con un cucchiaio di legno, metterla sulla spianatoia infarinata e impastarla velocemente e brevemente con la farina, l'uovo, il pepe, il sale e un cucchiaio di timo tritato.
Lasciare riposare per alcuni minuti.
Dividere l'impasto a pezzetti; passate ognuno di essi sulla spianatoia infarinata in modo da ottenere dei bastoncini lunghi, delle dimensioni di un dito.
Tagliarli a tronchetti lunghi circa 1,5 cm e disponeteli su un vassoio leggermente infarinato.
Conservarli in frigo fino al momento dell'utilizzo.

Tagliare tutte le verdure a piccoli cubetti e sbollentare le cime di cavolfiore. Tritare le foglioline di timo e di maggiorana, affettare finemente la cipolla e far appassire il tutto in una padella con l'olio.
Aggiungere tutte le verdure e saltarle per qualche minuto, regolando di sale.
Cuocere gli gnocchetti, pochi per volta, in abbondante acqua salata in ebollizione, estrali con una schiumarola appena affioreranno e sistemarli nella padella del condimento. Aggiungere lo zafferano diluito in alcuni cucchiai di acqua di cottura, saltare il tutto e servire guarnendo con le erbe aromatiche e con peperoncino a piacere.

con questa ricetta partecipo alla raccolta di i peccati di gola "gnocchi e quenelle"

23 commenti:

  1. particolarissimi questi gnocchi! così piccini son pure molto belli! ed il condimento si adatta eprfettamente al tio di impasto!
    complimenti!
    ma...dove dici che si può trovare questo tipo di ricotta?
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Perchè si dica giovedi gnocchi non lo so, ma io li mangerei pure venerdi, sabato e domenica:P

    Ottimi e delicati:)

    RispondiElimina
  3. sei riuscita a farmi venire l'acquolina alle 9.40 di mattina e con un primo piatto! Ma io non so!!
    Io non ho mai provato a fare alcun tipo di gnocchi, anche se da tempo punto quelli di ricotta...dopo Camomilla e dopo te come faccio a rimandare ancora?
    Ah, quanto al condimento a me piace moltissimo come l'hai proposto, lo trovo fresco, salutare e colorato q.b. Bacioni e buona giornata (arrivo per pranzo eh)!

    RispondiElimina
  4. non sapevo che gli gnocchi si mangiassero di giovedì! :-) ottima questa versione, li ho sempre fatti di patate, devo provare anche questi! un bacione.

    RispondiElimina
  5. mmmm che buono il condimento!!! mi piace :-)))))

    RispondiElimina
  6. @manu&silvia: la giuncata io la trovo anche al super mercato. non vorrei sbagliare, ma mi sembra che in alcune zone d'Italia è meglio conosciuta con il nome raviggiolo.
    grazie! un bacione!

    @sweetcook: infatti sono dettagli! non vuol certo dire che il resto della settimana non si può mangiarli! ;-)
    grazie mille! baci

    @arietta: io sono rimasta davvero contenta di questi gnocchi! li ho trovati più semplici di quelli con le patate (bisogna avere quelle adatte) e molto più veloci (non bisogna lessare nè passare nulla)!
    ti aspetto per pranzo! ;-)
    un bacione

    @micaela: beh si, è una tradizione tipica del centro Italia!
    come dicevo ad arietta è una pasta fresca che puoi realizzare anche quando hai poco tempo a disposizione.
    fammi sapere!
    un bacio

    RispondiElimina
  7. Ricetta particolare per questi gnocchi da favola con un sugo super invitante.....devo assoluntmnte provare i gnocchi di ricotta....

    RispondiElimina
  8. Questa versione con la ricotta è assolutamente da provare ;o)
    Buonissimi

    RispondiElimina
  9. Buondì! :) Che piattino appetitoso, è quasi mezzogiorno e la fame comincia a farsi sentire! Anche per me gli gnocchi sono sempre stati a base di patate, solo da poco ho scoperto, su un blog, che si possono fare anche di ricotta. E adesso vedo che anche tu li hai preparati così. La cosa mi incuriosisce tantissimo!

    RispondiElimina
  10. Buonissimi, ho sempre mangiato quelli di patata, questi devono essere delicatissimo, brava ricetta da rubacchiare

    RispondiElimina
  11. buonissimi!! ho appena mangiato ma non nascondo che un paio di forchettate di questi gnocchi....gnam....le mangerei volentieri eheheh

    baciiini!!!

    RispondiElimina
  12. ho scoperto da poco il timo ed è fantastico, credo si sposi benissimo, brava!

    RispondiElimina
  13. Mamma mia che delizia! Io per ora sono ancora ancorata all'equazione gnocchi=patate ma penso che proverò presto a uscire da questo schema!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  14. purtroppo la giuncata mi manca...ma la ricotta buona no! avevo fatto degli gnocchi di ricotta ma più leggeri senza uova nell'impasto...devo provare anche così!

    RispondiElimina
  15. Molto interessante, noi siamo affezionati ai classici gnocchi di patate, un vero comfort food come hai detto tu, ma non ci dispiace certo sperimentare altre variazioni. Il piatto è di quelli molto raffinati, al di là dei gnocchi specialissimi, c'è il condimento che non è da meno, verdurine e timo, delizia pura!
    Baci da Sabrina&Luca....estasiati

    RispondiElimina
  16. cara Laura è un piatto molto invitante, anche io li ho fatti sempre con le patate, ma questa versione mi incuriosisce...un bacio Tittina

    RispondiElimina
  17. Eccoli gli gnocchi di cui mi parlavi... sono estasiata! Adoro questo genere di primi piatti, sono come una coccola per il mio stomaco, ma anche per il palato :)
    E' un peccato riservarli solo al giovedì, potessi farlo li mangerei tutti i giorni!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. IMPORTANTE: grazie alla segnalione di Laura del blog L'Antro dell'Alchimista ho trovato in questo blog tante foto tra questi la tua dai un'occhiata non so se tu hai dato il permesso o forse mi sbaglio ma volevo avvisarti : della tua schiacciata a l'uva nera : di lauradb (26/09/2008 - 11:13) http://bimbycucina.blog.dada.net/?from=60 la trovi in fondo alla pagina.

    RispondiElimina
  19. Mi hai dato proprio una bella idea per il fine settinana....già gli gnocchi mi piacciono tanto, ma questa versione la trovo davvero fresca, salutare, appetitosa! Buon fine settimana! :-)

    RispondiElimina
  20. Ricetta stupenda a trovare una signora ricotta... ne andremo alla ricerca :)))) Grazie di aver partecipato alla nostra raccolta gnoccola baci :))))

    RispondiElimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...