martedì 15 dicembre 2009

Brioches al cuore di frutti di bosco

Brioches al cuore di frutti di bosco

Ieri è caduta la prima neve. Lo spettacolo di alzarsi la mattina e trovare il paesaggio completamente bianco è ineguagliabile. Sembra di svegliarsi in un mondo più silenzioso e pulito. Magicamente candido.
E la magia continua se ad aspettarti per colazione ci sono delle deliziose brioches magari fatte in case e farcite con un ripieno di frutti di bosco scriroppati e rese ancora più golose da un filo di glassa che ne imbianca leggermente la superficie.

La ricetta è ispirata alle brioches al cuore di ciliegia del The Cookbook Sourdough di Rita Davenport e proposte dal blog statunitense Padma’s kitchen.
Ma io le ho scoperte grazie ad una bravissima "collega" blogger francese. Sono così belle che ne sono rimasta folgorata e non ho potuto fare a meno di riproporle, con qualche piccola variante e sostituendo le ciliegie con i frutti di bosco.

Come per quasi tutte le brioches la preparazione è un po' lunga e si divide in tre fasi:
la sera prima--> preparazione del lievitino
l'indomani mattina--> preparazione della pasta brioche
la sera--> preparazione delle brioches e cottura.

Lavoro sicuramente lungo, ma che soddisfazione!


BRIOCHES AL CUORE DI FRUTTI DI BOSCO
Ingredienti per 25 brioche circa:

Lievitino:

125 g di farina 00
125 g d'acqua
1/2 cucchiaio da caffè di lievito secco

Pasta brioche:
180 ml di latte
1 bustina di lievito secco
125 ml di acqua tiepida
125 ml di burro fuso
180 g di zucchero a velo
1 cucchiaino e 1/2 di sale fino
500/700 g di farina manitoba (io 600 g)

Per il ripieno:
250 g di frutti di bosco surgelati
100 g di zucchero
maizena

Per la glassa:
250 g di zucchero a velo
semi di vaniglia
1 cucchiaio d'acqua

Preparazione:

La sera prima:
Preparare il lievitino. Lavorare la farina, l'acqua e il lievito, fino ad ottenere una palla. Lasciare lievitare in un recipiente coperto per tutta la notte.

L'indomani mattina:
Scaldare il latte a fuoco medio fino all'ebollizione, ma senza farlo bollire. Lasciare raffreddare 10/15'.
Far sciogliere il lievito nell'acqua appena intiepidita.
Nel robot, lavorare il lievito, il latte raffreddato, il lievito sciolto, il burro, lo zucchero e il sale.
Incorporare progressivamente la farina.
Prelevare dal robot e lavorare a lungo il composto fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo ed elastico.
Imburrare un recipiente e sistemarvi l'impasto girandolo in tutti i sensi.
Avvolgere il recipiente con una pellicola per alimenti.
Lasciare il recipiente per qualche ora (o per tutta la notte) in frigo ad una temperatura non inferiore ai 5°.

La sera:
Dividere l'impasto in 25/30 parti uguali. (per essere più precisi: pesare l'impasto e dividetelo per le parti).
Ricavarne cordoncini di 30 cm di lunghezza, circa.
Attorcigliare ogni cordoncino su se stesso e sistemarlo su una placca coperta da carta forno, distanziandolo bene dagli altri.
Coprire con un panno e lasciar lievitare, lontano da correnti d'aria, fino a quando raddoppieranno di volume (a me ci sono volute un paio d'ore).
Preparare lo sciroppo ai frutti di bosco: in un piccola casseruola cuocere per 15/20' i frutti di bosco con lo zucchero a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto. Filtrare con l'aiuto di un colino lo sciroppo, riportarlo sul fuoco setacciandovi la maizena e mescolare fin quando sarà addensato.
Preriscaldare il forno a 180°.
Appiattire con due dita il centro di ogni serpentina, lasciando solo l'anello più esterno e fino a toccare la placca del forno.
Farcire l'interno con lo sciroppo e i frutti di bosco.
Cuocere per 15' o fin quando le brioches saranno leggermente dorate.
Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella per dolci

26 commenti:

  1. Sono fantastiche...per lievito secco intendi tipo il mastrofornaio per pane? perchè, a parte la p.madre, io ho sempre in casa il panetto di lievito di birra...

    RispondiElimina
  2. Si esattamente quello. Anch'io uso sempre il lievito di birra fresco, ma per queste brioches ho usato il lievito secco come indicato nella ricetta originale

    RispondiElimina
  3. Ho l'acquolina solo a guardare la foto!! a dir poco deliziose!complimenti!

    RispondiElimina
  4. Sono davvero incantevoli, brava!!

    RispondiElimina
  5. stupende...e saranno sicuramente sublimi!!! da provare!

    RispondiElimina
  6. voglio il dolce e la neveeee anche io!!!!!

    RispondiElimina
  7. Una colazione dolcissima Laura! Molto carino l'abiti natalizio che hai fatto indossare al blog ;)

    RispondiElimina
  8. ah, come mi alzerei più volentieri con una brioche così per colazione!

    RispondiElimina
  9. non ci sono parole...basta guardarle per capire quanto sono buone!!
    segno??ok,ho segnato fra le ricette da fare!!

    RispondiElimina
  10. Sono bellissime, una bella idea da provare.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  11. stupende!!! molto natalizie! devo provarle anch'io!!! ma com'è che le bloggers francesi fanno cose così buone? io le adoro!

    RispondiElimina
  12. Ma sono veramente bellissime queste brioche bravissima

    RispondiElimina
  13. Mamma mia che lavoraccione!!! Ma ne vale davvero la pena ne sono convinta! Complimenti!

    RispondiElimina
  14. Mamma mia che delizia queste brioches!
    Ok, i frutti di bosco fanno un po' strano a dicembre, però si abbinano perfettamente ai colori del natale!
    baci baci

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. E 'una ricetta grande, deliziosa. Grazie per averlo condiviso con noi, saluti!

    Demi

    http://www.perrifamilia.blogspot.com/

    scusa gli errori, usare il traduttore internet

    RispondiElimina
  17. Sembrano buonissime queste brioches!
    Io ho sempre avuto un po' di ostilità verso il lievitino, che immagino una cosa difficilissima, ma quasi quasi provo, perchè le tue brioches sono davvero invitanti! :)
    Complimenti per il blog ;)
    Jaz

    RispondiElimina
  18. pura poesia, lo spettacolo innevato e queste briochine irresistibili!
    bravissima :)

    *

    RispondiElimina
  19. Très réussies, tes brioches sont magnifiques.
    BRAVO!!
    A bientôt.

    RispondiElimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...