venerdì 2 aprile 2010

Insalata di Pasqua

Insalata di Pasqua

Per cominciare in allegria il pranzo di Pasqua che ne dite di mettere i fiori nel piatto?! Con violette e primule vi sembrerà di portare le farfalle in tavola!

L'insalata di Pasqua è un'allegro antipasto che con i suoi brillanti e accesi colori è l'ideale per aprire in tutta vivacità il pranzo di domenica. E' un'insalata mista di valeriana, frutta secca e petali di fiori simbolo della primavera come le violette e le primule che, ho scoperto, oltre e dare colore, caratterizzano il piatto con i loro sapori e profumi. L'ho aromatizzata con diverse erbe quali la menta, la maggiorana e l'erba cipollina e profumate da alcuni fili di scorza d'arancia ottenuti con un rigalimoni.

Per quante riguarda i fiori state tranquilli, sono del tutto commestibili, basta osservare alcune accortezze! Per una bella insalata "fiorita" sono diversi i petali che potete usare tra questi oltre le già citate primule e violette sono buone anche i fiori di borragine, la rosa, le bocche di leone...
La cosa più importante è sapere con certezza che le piantine non siano state trattate con i pesticidi, quindi se non disponete di fiori che avete coltivato voi stessi, scegliete quelli per uso alimentare.

INSALATA DI PASQUA
Ingredienti:
(dosi per 4 persone)

120 di valeriana (songino)
50 g di puntarelle (romane*)
12 uova di quaglia
50 g di pinoli
la buccia di un'arancia non trattata
petali di fiori (violette e primule)
erbe aromatiche (maggiorana, aneto, erba cipollina, menta)
1 arancia non trattata
1 limone
olio evo
sale
pepe macinato fresco (rosa, verde, nero)

Preparazione:
Rassodare le uova di quaglia facendole sobbollire per 5' (per evitare che si crepino, porre un foglio di carta da cucina sul fondo del recipiente dove bolliranno); scolarle e una volta tiepide, sguscialre.
Tostare leggermente i pinoli in una padella antiaderente.
Mescolare la valeriana con le puntarelle, la buccia d'arancia ricavata con un rigalimoni, le erbe aromatiche e i pinoli.
Distribuire l'insalata nei piatti, completando ognuno con 3 ovette a spicchi.
Emulsionare 50 g di olio con il succo di limone, il sape e una macinata di pepe.
Servire questa emulsione per condire l'insalata di Pasqua.

*le punatarelle romane altro non sono che le foglie più interne, i germogli,  della catalogna spigata che dopo essere state tagliate a filetti, vengono poste in una ciotola piena di acqua  e ghiaccio che le farà arricciare. Sono una prelibatezza tipica di questo periodo dell'anno.

10 commenti:

  1. E' meravigliosa quest'insalata, così colorata, frasca, allegra. Uno scorcio di primavera in tavola. Un bacio cara, auguri di cuore di buona Pasqua :X

    P.S. per rispondere alla tua domanda sul mio blog...sono nata a Teramo :)

    RispondiElimina
  2. che bella questa insalata.. ha dei colori bellissimi.... ha ragione Federica... è veramente uno scorcio di primavera in tavola...

    un bacio e Buona Pasqua... ciaoo

    RispondiElimina
  3. Ma che bella!!!!! bellissme le violettemesse tra l'insalata!! Ottime le uova di quaglia.. Bella idea.. complimenti! tanti auguroni per una serena Pasqua :-))))

    RispondiElimina
  4. Come puoi vedere dai biscotti postati ieri amo la cucina con i fiori e quest'insalata è a dir poco stupenda!
    meravigliosa proposta pasquale!:)
    auguri

    RispondiElimina
  5. Ma che bella e colorata che è!!! davvero in tema pasquale...a proposito...Buona Pasqua, un bacione

    RispondiElimina
  6. che bella!!!! adoro i fiori in cucina!! bravissima! un grosso bacio e buona pasqua!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Cosa c'è di meglio dei fiori per decorare la tavola di pasqua...ma vengono bene anch eper i vari piatti da proporre no?!
    Ottima la tua insalata: leggera e elegante!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. E' bellissima; un peccato mangiarla! Una delizia per gli occhi con quei fiorellini e quei colori primaverili...dieci e lode!

    RispondiElimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...