venerdì 14 maggio 2010

Torta "La Suisse" o brioche chinoise...

torta suisse

La storia di questo fantastico dolce che ai più potrebbe sembrare una sorta di torta delle rose (in effett è molto simile!) è lunga, un po' contorta, ma non complessa!

Tempo fa parlavo al telefono con un'amica si ciarlava del più e del meno quando all'improvviso mi dice "Sai una cosa? Sono troppo contenta, oggi, finalmente, ho mangiato di nuovo " La Suisse"!!!"
Davvero? dico io? ma ha aperto di nuovo la pasticceria francese? dove?
"ma come, non lo sai? lì dietro la regione, c'è un palazzo in cortina" ma chi rotilio???" si, si quello!".
Dovete sapere che in centro, prima di catastrofici eventi a voi tutti noti, c'era una graziosa pasticceria "La Musette" che preparava questo dolce paradisiaco: una brioche, soffice soffice e delicata, con un ripieno di crema pasticcera e cioccolato fuso!
A quel punto ho lasciato la mia amica lì appesa al telefono e sono volata in pasticceria...no scherzo! Però ci sono andata il giorno seguente... :-)
Invece quello che ho fatto subito è stata una ricerca su Internet per trovare qualche notizia su questa benedetta Suisse, che sembra sia conosciuta solo da noi aquilani. Infatti di notizie a riguardo ne ho trovate ben poche.
Il caso ha voluto che qualche giorno dopo Paoletta pubblicasse delle deliziose girandole preparate con la brioche suisse di Felder. Ho pensato: è lei! Invece, seppur buonissima, il risultato non è stato ancora quello tanto cercato. (Comunque provate quell'impasto che è eccezionale!)
Linkando da Paoletta a gennarino sono arrivata fin qui... dove ho trovato la ricetta di questa brioches chinoise, molto simile nell'aspetto alla Suisse... cinese, si! ma non era Svizzera, mangiata in una pasticceria francese?!boh! ok, proviamo anche questa... per farvela breve amici e amiche... il responso di mio marito è stato "E' quasi La Suisse!!!". Infatti tra le varie ricette provate negli anni, perché è da tanto che provo a farla in casa, questa è forse quella che più si avvicina alla mitica Suisse di "La Musette"! :-)

edit: tracce delle chinoise anche qui dal cavoletto!

Torta "La Suisse"
Ingredienti:

100 g di latte
100 g di burro morbido
50 g di zucchero
2 uova
400 g di farina manitoba
1/2 cucchiaino di sale
15 g di lievito di birra

per farcire:
150 di cioccolato fondente
panna fresca
gocce di cioccolato
granella di zucchero
crema pasticcera (preparata con 250 g di latte)

Preparazione:

Far sciogliere il lievito in 35 g di latte e impastarlo con 35 g di farina. Coprire con la pellicola e lasciar lievitare finché non si gonfia (40-45').

Aggiungere uno per volta le uova, e poi, lo zucchero e il resto della farina; aggiungere il latte, il burro e il sale. Impastare per una decina di minuti, fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
Coprire e lasciare lievitare per circa 2 h.

Stendere la pasta in un rettangolo di 3/4 mm di spessore, spalmarci la crema pasticcera, fredda, (meglio quindi prepararla il giorno prima) e versarvi sopra il cioccolato fondente (fuso a bagnomaria con un cucchiaio di panna) e arrotolare delicatamente dal lato più largo.
Tagliare il rotolo a fette di 4 cm e disporle in una teglia foderata di carta da forno senza stringerle troppo(dovranno lievitare ancora). Quindi coprire e lasciare lievitare per un'ora circa. Spennellare con un tuorlo battuto con un cucchiaio di panna, cospargere di granella di zucchero e di gocce di cioccolato, e infornare a 180° per circa 25-30'.
Tolta dal forno spennellare con uno sciroppo preparato con acqua(2 cucchiai) e zucchero a velo(1 cucchaio).

29 commenti:

  1. questa forma mi piace molto molto!
    mmmmmh!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao mi ispira molto questa ricetta e visto che ho nel frigo un bel panetto di livito di birra oggi la provo!!Ah proposito io lavoro da una signora di ginevra molto brava a cucinare se vui provo a chiederlo la ricetta di questo fantastico dolce! Grazie ancora e buon week-end

    RispondiElimina
  3. ma sai che non conoscevo questa torta? dev'essere buonissima davvero!!! copio la ricetta! un bacione.

    RispondiElimina
  4. @atri: magari! può darsi che sa dirti qualcosa in più di quello che sono riuscita a trovare io. grazie sei gentilissima!

    RispondiElimina
  5. Bellisisma e molto elegante questa torta! non ne avevamo mai sentito parlare...ha un'aspetto molto particolare e caratteristico.
    Sei stata davvero brava! e chissà com'è buona!
    baci baci

    RispondiElimina
  6. Suisse o no ha un aspetto favoloso!!! Me la mangerei tutta......

    RispondiElimina
  7. che meraviglia!!!
    bellissima la foto, delizioso il dolce, da provare!!!
    oggi sono riuscita a gustare la tua crema di ceci alla provenzale, troppo buona!!!!! è piaciuta a tutti!!!!
    io nn mangio la pasta e quando sono arrivata in tavola con la tua splendida crema, bella e profumata, gli altri che si stavano mangiando il loro irrinunciabile piatto di pasta, dopo aver assaggiato la crema hanno abbandonato la pasta per gustare la tua delizia!!!
    grazie!!!!! la rifarò spessissimo, troppo buona!!!

    RispondiElimina
  8. Favolosa,io che amo i lievitati la farò al più prestoVeranmente molto bella!!!!Bacioni e buonweekend!!

    RispondiElimina
  9. Molto bella e d'effetto anche da vedersi...immagino la sua bontà!
    Buon fine settimana, un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Credo che paradisiaco sia decisamente poco per questo dolce. Mi piace .. e molto !!! Manu

    RispondiElimina
  11. Ispira troppoooo te la rubo e appena ho un pò di tempo la provo.
    Baci, Laura

    RispondiElimina
  12. Mi è venuta una voglia matta di provare questa suisse...c'è un alone di mistero che ormai la circonda.Sembra fantastica,ma lì a la Musette non ce l'hai una spia?A presto!

    RispondiElimina
  13. bellina bellina davvero!!! da copiare immediatamente!!

    RispondiElimina
  14. Deliziosa!!!!non la conoscevoquesta ricetta, è da provare...buona domenica Tittina

    RispondiElimina
  15. appena ho visto la foto ho pensato a un mezzo vasetto di lemon curd che giace in frigo, lo mescolo alla crema pasticcera e la faccio!! dici che puo' andare?

    RispondiElimina
  16. dauly, puoi farcirla con quello che vuoi, marmellata, crema, untella e perchè no? anche lemon curd!

    RispondiElimina
  17. noooooooooooooooo.. ha riaperto!!!!???
    ma dove? mi devo fiondare....

    RispondiElimina
  18. La Suisse...quante ne ho mangiate quando studiavo a L'Aquila...mi commuovo solo a pensarci.Domani provo la ricetta e ti faccio sapere cosa ne penso ;-)

    RispondiElimina
  19. Grazie grazie grazie per aver postato questa ricetta io e il mio maritino l'abbiamo fatta insieme per la cena di San Valentino è vero è proprio lei la mitica suisse, siamo tornati indietro nel tempo a quando, studenti vivevamo a L'Aquila! È buonissima provatela!!

    RispondiElimina
  20. Che ricordi questa torta! E quanto adoravo quella piccola pasticceria a L'Aquila! E' stato, tra le altre cose, uno dei miei pensieri quando è successo quello che è successo lì...
    Ti seguirò...

    RispondiElimina
  21. ciao mi chiamo leonardo e sono un infermiere della dialisi dell'ospedale dell'aquila. stamattina un paziente ci ha regalato la mitica suisse! gli ho detto" mi sembra quella della pasticceria francese che una volta stava in centro" ...:( e lui mi fa" è quella!!! ha riaperto!" io non ci volevo credere ma poi il sapore era inconfondibile!!!! sono strafelice che quelle delizie abbiano ritrovato posto in questa città distrutta... cmq io ho il diploma da pasticcere ma non ho mao trovato una ricetta che mi soddisfacesse; adesso proverò a fare la torta con questa ricetta eeeeee.... pi vi farò sapere!!! grazie per gli ingredienti...:)

    RispondiElimina
  22. squisita!!!!!!!!!!!!!!ho vissuto a l'aquila x 12 anni e la suisse era il dolce presente in tutte le nostre feste e non solo.Ho dovuto abbandonare l'aquila a causa del terremoto e sono rientrata nella mia regione natia........e tutte le volte che mio marito ci è ritornato mi ha riportato la suisse ...E' un dolce ricco di ricordi e quando ho trovato questa ricetta l'ho subito fatto.Non posso far altro che ringraziarti e ti sarò sempre grata.L'Aquila è nel nostro cuore e la suisse contribuirà a ricordarcela.

    RispondiElimina
  23. Ciao a nome di tutti gli aquilani disperati alla ricerca della ricetta perduta-o meglio,mai trovata-ti ringrazio,proverò a farla!L'anno scorso sono quai impazzita per cercare almeno un fac-simile:l'avevo trovato ma non aveva nulla a che vedere con la mitica suisse de La musette!Ancora una volta grazie collega compaesana :-) V.

    RispondiElimina
  24. Laura!!!!! non sai che gioia mi dai parlando della Suisse!!!!! io ho assaggiato la mitica un giorno che sono venuta a L'Aquila per fare un controllo all'INAIL (prima dell'immane catastrofe!) quando sono uscita dal sottopassaggio nella piazza dove c'è la chiesa delle Anime Sante mi sono diretta in un piccolissimo fornetto (ma non era una pasticceria!) che rimaneva sulla sinistra della chiesta, avendola di fronte, sono entrata e ho chiesto vengo da Chieti....vorrei assaggiare la vostra specialità, qual'è? Ah! la suisse!!!!! eccola qua, non facciamo in tempo a sfornarle che ce le portano via tutte!!!! Durante il tragitto per tornare a Chieti io e mio marito l'abbiamo fatta secca!!!! Che bei ricordi! Ne avevo parto su CI dove a quel tempo c'era una forumista della tua città, però mi pare avesse un cognome straniero.... non ricordo bene! non sono mai più venuta a L'Aquila non ho voluto vederla violentata e distrutta! adesso sto metabolizzando di venire a rivederla....però mi devo preparare! Che tu sappia del forno ha riaperto da qualche parte?
    Un bacione!
    Silvy

    RispondiElimina
  25. concordo .... è un dolce noto solo agli aquilani ahahha allucinante... :-)in tutto il resto del mondo è sconosciuta!!!! O.o ...
    Cmq proverò a farla quanto prima ... ricordando i bei tempi passati ;-)

    RispondiElimina
  26. la suisse...quanti ricordi...penso che ogni aquilano l'ha mangiata!!! ai tempi delle superiori era un rituale prenderla quando si studiva a casa delle amiche :) grezi per il post e per i ricordi....

    RispondiElimina
  27. Ma la pasticceria "la musette" ha riaperto? Mi manca molto la suisse di quella pasticceria...non l'ho mai più mangiata dopo il terremoto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ha riaperto in Via Giosuè Carducci, L'Aquila, Rotilio Center.

      Elimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...