mercoledì 4 aprile 2012

Hot Cross Buns

hot cross buns

Che cosa sono? Panini dolci con l'uvetta, speziati, il cui profumo, in questi giorni invade case e strade dei paesi di cultura anglosassone. Infatti vengono preparati in occasione della Pasqua e dietro di essi vive una ricca quantità di leggende sacre e profane. A partire dalla croce che si applica sulla superficie per ricordare la Passione e la Resurrezione (di qui cross): generalmente viene preparata con una miscela di farina e acqua che una volta terminata la cottura viene rimossa, perché non è molto gradevole al palato. Io ho riempito i solchetti lasciati sulla superficie dei panini con una glassa al limone*, ma naturalmente ognuno può ovviare come preferisce con una glassa semplice o magari con una salsa al cioccolato bianco.
In genere vengono mangiati il Venerdì Santo spalmati di burro e accompagnati da pietanze sia dolci che salate. Ottimi con un velo di marmellata, sono perfetti anche per la nostra tradizionale colazione della domenica di Pasqua serviti con salumi e formaggi.


Come ho accennato pocanzi sono tantissime e affascinanti le storie che il folklore anglosassone fa ruotare intorno ai buns. Una di queste racconta che se appeso in cucina, protegge dagli incendi e garantisce che tutti tipi di pane vengano alla perfezione.
Un'altra leggenda molto suggestiva narra invece che se due persone condividono lo stesso panino, e mangiandolo pronunciano queste parole “Half for you and half for me, between us two shall goodwill be” la loro amicizia è protetta per tutto l'anno.

Alcuni hanno loro attribuito anche poteri curativi... io ve li suggerisco perché sono buoni soffici e profumati. Basterebbe anche solo questo per provarli...no?!


Hot cross buns 
Ingredienti per 12 panini

15 g di lievito di birra
100 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di miele d'acacia
375 ml di latte fresco, tiepido
570 g di farina, setacciata (300 g manitoba più 270 g 00)
1 cucchiaino i cannella
50 g di burro, fuso
1 uovo
200 g di uvetta sultanina
1 arancia bio
1 limone bio

70 g di farina 00, in più
80 ml d'acqua

per la glassa

110 g di zucchero
60 ml d'acqua

Sciogliere il lievito nel latte con il miele.
Unire la farina, la cannella, l'uovo, lo zucchero, le scorse grattugiate del limone e dell'arancia ed impastare con la planetaria  (gancio a foglia) per 20, 30' fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Aggiungere il burro fuso, impastare ancora per qualche minuto ed infine aggiungere le uvette.
Mettere l'impasto in una ciotola unta d'olio, coprire con la pellicola trasparente e far lievitare in luogo caldo per 1 ora o finché non raddoppia di volume.
Dividere l'impasto in 12 parti e formare delle palline. Se volete le palline tutte uguali potete pesarle: con questo impasto si ottengono 12 palline di 100 g circa, ognuna.
Foderare uno stampo quadrato di 23 cm con la carta da forno. Disporre le palline nello stampo, coprirle con la pellicola e lasciar lievitare in luogo caldo per 30' o finché lievitano.
Scaldare il forno a 180°. Mescolare la farina in più e l'acqua, mettere il composto in una tasca da pasticcere o in un sacchetto di plastica con un angolo tagliato e disegnare delle croci sui fagottini. Cuocere per 35' o finché sono ben dorati ed elastici. Spennellare con la glassa calda quando sono ancora caldi.

*nota: il composto di acqua e farina con il quale abbiamo vengono designate le croci sui panini, non molto gradevole al palato. infatti, una volta cotti i panini, va tolto e, in caso i solchetti vanno riempiti con una glassa al limone preparata mescolando 100 g di zucchero a velo con un cucchiaio di succo di limone e un cucchiaino di scorza di limone finemente grattugiata.

Da una ricetta di Donna Hay "Classici Moderni, volume 2"

4 commenti:

  1. Ciao! una tradizione dolcissima insomma! soffici, delicati e perfetti per dare inizio ai festeggiamenti pasquali!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. ...devono essere squisiti....voglio provare a farli anche io!
    Buona Pasqua, auguroni

    RispondiElimina
  3. Non li conoscevo affatto. Quindi grazie per aver nutrito la mia fame di conoscenza in materia dolci oltre manica.
    Sembrano davvero deliziosi. Proverò a farli questa domenica per la pasqua ormai vicina!

    RispondiElimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...