giovedì 24 luglio 2014

"Gattò" di patate, vegetariano

Gattò di verdure

Quando ho conosciuto mio marito, ho scoperto un mondo. 
No, non preoccupatevi, non voglio parlarvi di romanticherie, ma del mio primo incontro con la cucina e anche con la lingua napoletana.
Non posso negare che è stato amore al primo assaggio!
La prima volta che mia suocera mi ha cucinato le montanare, ne ho mangiate ben sei! 
Roba da strabuzzare gli occhi!
Per non parlare della pasta al forno, della pastiera, delle sfogliatelle e via dicendo.

Una sera mio marito (allora fidanzato) mi dice"stasera vieni a cena a casa che mamma ha fatto il gattò di patate"
io: "il gattò?! ma che vuol dire gattòòò?! come parli...? forse il gateau di patate!!"
"no no si chiama gattò, GATTO', a Napoli si dice così"

Dopo averlo assaggiato ho capito che il gateau di patate è una cosa-anche abbastanza insipida- il gattò di patate napoletano- con la sua esplosione di gusto- tutt'altra!! ;)

Oggi, non voglio parlarvi dell'originale gattò napoletano, quello lo fa mia suocera, divinamente e lo lascio a lei, ma di una versione vegetariana che a me è piaciuta tantissimo!

Gattò di patate, vegetariano

Il ripieno è fatto con i peperoni friggitelli, le zucchine e il provolone dolce.
 Mentre la superficie è guarnita da pomodori ripieni aromatizzati al timo limone.

La immaginate una bella tavola apparecchiata ed imbandita in giardino, o anche su una terrazza, con al centro questa meravigliosa bontà?! Io si!
Portatela ad una arrostata, ad un pic-nic o al pranzo di ferragosto! Farete felici tutti :)

summerdinner
Per questo gattò mi sono ispirata ad una ricetta tratta da "La Cucina Italiana" di Luglio.

"GATTO'" DI PATATE, VEGETARIANO
 Ingredienti per 6/8 persone

1 kg di patate
500 g di peperoni friggitelli
500 g di zucchine
qualche fiore di zucchina
100 g di mollica
300 g di pomodorini
200 g di provolone dolce (o 1 scamorza passita)
2 tuorli
olio evo
prezzemolo
timo
alloro
pangrattato
parmigiano reggiano
sale
pepe bianco

Preparazione

Lessa le patate con la buccia in acqua e alloro per 40' circa. Poi scolale, pelale e pasale allo schiacciapatate.
Trita il prezzemolo, sminuzza i fiori dizucca e uniscili alle patate con due cucchiai di parmigiano, i tuorli, un pizzico di sale, una macinata di pepe e mescola ottenendo un composto omogeneo.

Monada i peperoni affettali grossolanamente e saltali in padella con un cucchiaio di olio evo e uno spicchio d'aglio per 5'; in un altra padella salta le zucchine tagliate a fettine sottili con un cucchiaio di olio, uniscile ai friggitelli, togli l'aglio e lascia raffreddare.

Imburra o ungi con l'olio uno stampo a cerniera apribile e cospargilo di pan grattato, distribuisci uno starto di composto di patate, sul fondo e ricori i bordi; poi fai uno starto di peperoni uno di provola grattugiata grossolanamente, uno di zucchine e un'altro di provola. Termina con il resto del composto di patate.

Dividi i pomodori in due parti, svuotali con un cucchiaino e metti succo e semi in una ciotola.
Frulla la mollica di pane con i semi e il succo dei pomodorini, le foglioline di timo e un pizzico di sale. Riempi i mezzi pomodorini con questo composto.

Accomoda i mezzi pomodorini ripieni sopra il "gattò", spolverizza il tutto con poco pangrattato e parmigiano grattugiato e inforno a 160° per 50/60' circa.

Sforna il gattò, lascialo intiepidire e poi sformalo. Servilo tagliato a fette.
E' buono anche a temperatura ambiente.

17 commenti:

  1. La cucina napoletana è ottima, ma anche questo non è da meno.

    RispondiElimina
  2. E' bellissimo ! Ti confesso che a me quasi, quasi piace di più questa versione vegetariana..spero non lo dirai a tua suocera perché sicuramente penserà che frequenti gente strampalata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!!! forse hai ragione...non so quanto un napoletano verace approverebbe questa versione "eretica"!

      Elimina
  3. Condivido il tuo amore per la cucina napoletana, schietta e verace. Questa reinterpretazione vegetariana del gattò ha un aspetto bellissimo, e immagino proprio nulla da invidiare all'originale!
    A presto
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come puoi immaginare i sapori sono molto più delicati...personalmnete non disdegnerei nè l'uno nè l'altro! ;)
      Grazie Giulia, un bacio

      Elimina
  4. Non l'ho mai mangiato ma il tuo è invitantissimo :) da provare assolutmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non hai mai provato il gattò originale, devi farlo! subito dopo prova anche questo...;)

      Elimina
  5. Ammazza che gattò, un tripudio di bellezza e sapori complimenti!!! Proveremo a farla e siamo certe che farà un figurone in tavola!!
    Grazie per questa ricetta davvero speciale !

    RispondiElimina
  6. non ho mai visto una preparazione di gattò così bella e particolare - complimenti. al posto del timo limone cosa posso usare? cio ciao roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta! Al posto del timo limone puoi usare qualsiasi erba aromatica ti piaccia: il timo normale, il prezzemolo, il basilico, l'origano, la maggiorana...
      se lo prepari, fammi sapere se ti è piaciuto!
      grazie :)

      Elimina
    2. cara laura è stata gradita moltissimo la tua ricetta - un successo - ma non avevo dubbi, ho provato molte tue ricette sempre molto gradite dalla mia tribù affamata. grazie di condividere con tutti noi le tue ricette. grazie roberta

      Elimina
    3. scusa, ma ho ripetuto sempre la parola ricetta, si capisce che mi è piaciuta? a proposito ho usato l'origano al posto del timo limone ciao ciao roberta

      Elimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...