lunedì 25 agosto 2008

Tartellette alla frutta secca e salsa mou

Come ogni appassionata/o di arte culinaria in casa ho scaffali interi della libreria dedicati esclusivamente ai libri e alle riviste di cucina!
Ogni volta che dobbiamo preparare una festa sfogliamo e risfogliamo tutto il materiale a disposizione alla ricerca di qualcosa di nuovo e di originale da preparare!
L'ultima volta una delle scelte è ricaduta su una ricetta d'autore: le tartellette di frutta secca...
Lo chef che le ha ideate è Paolo Teverini, prendendo ispirazione dalla crostate svizzere farcite con noci e salsa mou.
Di mio (o meglio di nostro: io e la mia mamma) c'è l'aggiunta delle nocciole non prevista nell'originale e la ricetta della salsa mou preparata con il burro in vece dello sciroppo di glucosio che, a mio avviso, conferisce un sapore...come dire... artefatto.
Tengo a dirvi che i fiori che vedete nella foto sono di un bellissimo glicine del mio giardino (insomma, non sono finti!)

ingredienti per 15 tartellette:


300 g di pasta frolla (la ricetta qui)
140 g di zucchero
200 ml panna liquida fresca
30 g di burro
50 g di gherigli di noce
50 g di pistacchi sgusciati
50 g di pinoli sgusciati
50 g di nocciole sgusciate

procedimento:

Stendete la pasta frolla sottile e rivestite quindici piccoli stampi antiaderenti per tartellette.
Cuocete in forno preriscaldato a 160° per 12-15 min, attenti che non si colorino troppo!
Ritirate le tartellette dal forno; una volta fredde estraetele dagli stampi.

LA SALSA MOU: in un pentolino di acciaio pesante o rame versate la panna, lo zucchero, il burro , 30 g d'acqua e lasciate caramellare, dopo un 5/10 min prenderà il classico colore caramello.
Togliete dal fuoco e aggiungete a filo la panna fresca, mescolando delicatamente fin quando la salsa sarà completamente sciolta e avrete ottenuto una fluida crema omogenea.

Lasciate raffreddare, in seguito incorporate la frutta secca.
Al momento di servire, riempite le tartellette con il composto di frutta secca e salsa mou.
Buon appetito!!!

il vino: un Albana di Romagna passito, vino di buona struttura che evoca i sapori della frutta secca e del caramello.

18 commenti:

  1. Essenza, ma questa è una bomba calorica!!!!
    Comunque... bbbbonaaaaa!
    Buona settimana a te.
    Bab

    RispondiElimina
  2. Non si festeggia mica tutti i giorni!!! ;-)
    buona settimana anche a te!

    RispondiElimina
  3. beh una bomba calorica ma devono essere anche una bomba di bontà.
    Un'altra che ha tutti gli scaffali trabordanti di riviste e quotidiani di cucina eh?

    RispondiElimina
  4. Davvero splendide...si gustano prima con gli occhi e poi col palato!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  5. @ciao michela!
    trabordanti credo sia la definizione che meglio calza!!!
    non so se capita anche te...ma spesso il mio problema è di cercare una ricetta e non ricordare in quale dei tanti libri e giornali averla vista...

    @ciao simo!
    grazie mille!!!
    buona serata!

    RispondiElimina
  6. Ogni volta che passo a trovarti resto a bocca aperta!!!
    buon inizio settimana,
    Stefano

    RispondiElimina
  7. complimenti,non ti sei risparmiata in cucina... hai prodotto tante cose buone a cominciare dalla ciambella rustica e per finire con le tartellette...brava,buon inizio settimana

    RispondiElimina
  8. ma...ma come? parli veramente di magnare :O ...pensavo era uno scherzo. Pero mi è venuta fame..quindi....mi mangio il post con la briosche e questo con le tartellette va...saranno 12.000 calorie in tutto, ma chi se ne frega se divento hulk in tempo reale.

    RispondiElimina
  9. Sto conoscendo molte abruzzesi nella blogosfera, e sono tutte simpatiche e...brave in cucina!!! Mi sembra proprio che tu non faccia eccezione :)

    Mi hai fatto sorridere perche' anche io quando organizzo qualcosa metto sul tavolo pile di libri e riviste alla ricerca della ricetta perduta! :)

    Ci vediamo presto, buona giornata :)

    RispondiElimina
  10. conosco teverini! non ci sono mai andata a mangiare però... dovrò rimediare visto che è ad 1 ora da casa mia no? ;-) intanto mi segno queste tartellette che sembrano ottime!

    RispondiElimina
  11. @ciao stefano!
    grazie mille! spero di continuare a stupirti anche in futuro!
    buona settimana a te!

    @ciao reginetta dei muffin!
    si... confermo! sono una vera delizia!

    @grazie tittina!
    ho organizzato una festa e non mi sono risparmiata soprattutto nella preparazione dei dolci...passerà un po' di tempo prima di toccare di nuovo un pacchetto di zucchero..
    ma ho un bel po' di materiale per il blog... ;-)
    a presto!

    @no no!!! quando si parla di mangiare nn scherzo mai! ;-)
    ciao oltre, benvenuto!

    @ciao ciboulette!
    grazie ciboulette!troppo carina!
    cmq si in abruzzo abbiamo un' ottima tradizione culinaria, grazie anche alla presenza di tante eccellenti materie prime!
    a presto!

    @quando andrai, molto probabilmente, come dessert ti proporrà queste tartellette..
    mi raccomando fammi sapere!

    RispondiElimina
  12. ciao, eccomi da te ;)
    grazie infinite per i complimenti, anche tu sei una piacevolissima scoperta e ti linko anche io subitissimo ;)
    leggendoti vedevo me alle prese con tutte le riviste e i libri di cucina intenta a scegliere qualche menù ;)
    a presto!

    RispondiElimina
  13. ih ti capisco, anche io ho il mega scaffalone di libri di cucina, ed è talmente tanto pieno che si è un po' inclinato...spero non crolli!
    buonissima la ricetta ma...è un vero e proprio attentato alla dieta!!!
    buona serata, kiss

    RispondiElimina
  14. grazie :) ....passavo di qua, avevo fame e mi sono mangiato 2 post :P

    RispondiElimina
  15. @grazie panettona! benvenuta!

    @babi, hai ragione...ma ogni tanto il pensiero della dieta si può mettere da parte...
    baci!

    @quando hai fame, passa che un post da mangiare lo trovi sempre...
    grazie per le informazioni sulla canzone!

    RispondiElimina
  16. che carine, è sembrano anche buone.Brava

    RispondiElimina

Scrivete tutto quello che il palato vi suggerisce...